Mosaico natura e cultura

Paraguay / Brasile / Argentina

9 giorni / 8 notti



Da Asunción, la capitale verde dell’ibero-america con il Tereré pronto a dissetare con erbe fresche… cibi tipici e uno squisito rum di antica elaborazione nella terra rossa della canna da zucchero e la stevia rebaudiana e poi… quella mitica frontiera che unisce i tre paesi benedetti con delle incredibili Cascate per concludere questo imperdibile viaggio immersi in un mondo di colori nel nord argentino.

Programma

Giorno 1: Asunción / Museo del calcio sudamericano
Arrivo all’aeroporto di Asunción. Trasferimento privato all’hotel. In attesa della sistemazione  nelle camere riservate, visita libera a “Turista roga” presso la Senatur con mostra dell’artigianato locale nelle sue più belle espressioni: il ñanduti (tessuto a mano con filo di cotone di lunga tradizione), la ceramica e i pregiati gioielli di filigrana elaborati  da esperte mani.  Alle ore 14 tour privato in italiano per il centro storico e i quartieri moderni fino alla sede della confederazione Sudamericana di calcio Conmebol. Visita al museo che mostra la gloria del calcio sudamericano. Facoltativo cena nella parrillada con la migliore carne di Asunción.
Giorno 2: Asunción 
Prima colazione: Tempo libero per visite facoltative, shopping nei moderni locali della città. Nel primo pomeriggio trasferimento alla stazione dei pullman per proseguire viaggio verso città dell’Este. Arrivo e trasferimento privato in hotel. Pernottamento.
Giorno 3: Itaipu / Cascate paraguaiane / Museo Moisés Bertoni
Prima colazione in hotel. Visita, in privato,  alla centrale idroelettrica più grande del mondo per produzione, costruita tra il Brasile e il Paraguay.  Continuazione del tour per osservare dall’alto le tre frontiere e i fiumi Paraná e Iguazú che si incontrano ma non si mescolano, conservando ostinatamente i propri colori lungo il veloce percorso dei fiumi. Tempo per conoscere le cascate del Paraguay Saltos del Monday. Pranzo libero in corso di escursione. Visita alla casa-museo del naturalista svizzero Mosiés Bertoni incastonata in un vero paradiso della flora paraguaiana e altre piante di terre lontane portate fino alle sponde del Paraná dallo stesso Bertoni, che nei suoi studi scoprì la stevia rebaudiana, il dolcificante naturale 300 volte più dolce dello zucchero di canna. Cena libera in Plaza Jesuitas, con diversi ristoranti etnici. Pernottamento.
Giorno 4: Itaipu / Cascate Iguazu versante brasiliano
Prima colazione in hotel. Proseguimento del viaggio attraversando il Ponte dell’Amicizia per visitare Foz de Iguazú la cittá brasiliana della “Triple Frontera”. Tour panoramico per la città fino ad arrivare alle cascate, versante brasiliano, guida spagnolo-inglese.  Immerse nella selva sub tropicale, le imponenti Cascate di Iguazu costituiscono una delle più spettacolari aree del Sudamerica: il contrasto tra i colori del cielo, della vegetazione e della terra rossa, fanno da giusto sfondo alle culture multietniche locali. Possibilità di realizzare uno spettacolarissimo volo sulle cascate in elicottero e di visitare  il parco degli uccelli dove numerose specie del Sudamerica conformano un variopinto mondo cantante. Facoltativo, in serata, cena-show di musica e danze latinoamericane. Rientro in hotel.
Giorno 5: Cascate dell’Iguazu versante argentino
Prima colazione in hotel. Partenza per l’ Argentina navigando brevemente il Fiume Parana nella famosa “balsa” che in diversi viaggi di circa 25 minuti trasporta persone e macchine unendo il Paraguay e l’Argentina. Giornata dedicata alla visita delle Cascate, le più imponenti tra tutte. La visita inizia percorrendo il così chiamato circuito inferiore immergendosi nella verde foresta. Possibilità di un safari nautico. Continuazione della visita per il circuito superiore, soffermandosi in diversi punti per ammirare le molteplici sfaccettatura delle cascate. Pranzo libero dentro il Parco Nazionale. Proseguimento della visita con un breve percorso a bordo del trenino che porta nei pressi del salto più alto delle cascate, la Garganta del Diablo (la Gola del Diavolo), alto 70 m, 20 in metri più del Niagara, offre uno spettacolo unico di suoni e colori, specie se il sole splende. Sistemazione in hotel a Puerto Iguazú. Tempo libero.
 Giorno 6: Salta
Prima colazione in hotel. Trasferimento regolare all’aeroporto per continuare in volo verso la città di Salta nel nord Argentino. Arrivo e sistemazione nelle camere riservata. A metà pomeriggio visita guidata della città, con guida spagnolo-inglese. Facoltativo: cena con show di danze e musica folclorica tipica del nord.
Giorno 7: San Antonio de Los Cobres / Treno alle Nuvole / Salinas Grandes (Salar argentino)
Prima colazione. Imperdibile tour di due giorni: partenza verso San Antonio de Los Cobres, attraverso la Quebrada del Toro e incrociando l’ antico percorso del “Tren de las Nubes”  Paesaggi che dai colori grigi  continuamente “riprendono” vita con la luce del sole…e improvvisamente cambiano colori. Arrivo a San Antonio de los Cobres: facoltativo viaggio nel Treno delle Nuvole che col nuovo percorso viaggia solo nelle tratte più alte fino a Los Polvorines (un’ ora di durata).  Pranzo libero  in corso di escursione. Continuazione del viaggio  per Salinas Grandes, al confine con il Cile, questo deserto bianco si trova a circa 4000 m.l.m.  Opportunità di scattare le più “strane” fotografie,  effetto del fondo bianco del sale. Si continua il viaggio fino a Purmamarca immersi a tratte nel “Cerro de los siete colores” simbolo della Quebrada de Humahuaca. Sistemazione in hotel a Purmamarca. Cena libera. Pernottamento.
Giorno 8: Puramamarca / Tilcara / Salta
Prima colazione. Breve trekking ai  piedi del Cerro de los siete Colores. Attraverso il famoso Canyon della Quebrada di Humahuaca, dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità arrivo a Tilcara. Visita al Pucará, antica fortezza strategica nella quebrada, costruita dagli indigeni tilcaras. Pranzo libero in corso di escursione. Rientro a Salta. Serata libera. Pernottamento in hotel.
Giorno 9: Salta
Prima colazione. Giornata a disposizione per escursioni facoltative: visita al museo delle Mummie, al “Cerro delle apparizioni” nei dintorni della Città o mezza giornata a Cafayate, la culla del vino del nord este argentino.
Giorno 10: Inizio del viaggio di rientro.
Prima colazione. Trasferimento all’ aeroporto per iniziare il viaggio di rientro al paese di origine o continuare la visita al continente proseguendo verso altre destinazioni.